Belgio. Con questa bellissima gara, la Freccia Vallone, è iniziata la mia prima esperienza nelle Ardenne. Ho potuto percorrere in gara il famoso muro di Huy e non solo. Il percorso di mercoledì scorso prevedeva i 118km ondulati suddivisi, prima in un circuito di novanta chilometri e successivamente un secondo anello di 29 km. Il tracciato si è rivelato particolarmente selettivo soprattutto nella seconda parte di gara dove si è formato un gruppo principale di circa 50 unità ed a seguire vari gruppettini.
Ci si aspettava che il muro di Huy fosse quello più selettivo ed invece lo è stata maggiormente la salita del Cote de Cherave che lo precedeva, dove le pendenze anche lì sono state importanti . E’ stato proprio su questa asperità nel giro finale, quando mancavano circa 8 km all arrivo, che ho perso contatto dal gruppo delle migliori, rimaste comunque da me visibili a qualche centinaio di metri davanti. La gente presente sul muro di Huy è stata impressionante, sembrava di essere tornati al Giro delle Fiandre. La musica, il tifo hanno risvegliato le stesse emozioni da brividi. Mi sono divertita molto nonostante la fatica: il sole, il caldo, la durezza del percorso hanno reso la giornata spettacolare. Il ricordo di questa mia prima Freccia Vallone sarà qualcosa che rimmarrà sicuramente nella mia memoria.

IMG 20190426 WA0003 - La Fleche WallonneOggi giornata di riposo perché domani si riprende a gareggiare in Olanda alla Omloop Van Borsele, vicino al mare, dove il vento certamente non manchera’. Domenica appuntamento alla Bastogne-Liegi, altra prova del calendario Women’s World Tour ?

IMG 20190426 162951 - La Fleche Wallonne