La mia gara in Svezia è terminata non proprio come avrei voluto.

140 i km da percorrere su strade vallonate. Inizialmente quattro giri da 10km in un percorso cittadino molto nervoso per via delle numerose curve e strade strette, successivamente un anello piu lungo di circa 60km in cui vi erano i quattro settori in sterrato, lunghi all’incirca 3km l’uno, ed alla fine di nuovo i quattro giri cittadini.

È stata una gara movimentata e divertente, sia per gli svariati attacchi, sia per gli sterrati che per me erano qualcosa di nuovo. Proprio in uno di questi numerosi attacchi, mi sono inserita con la fortissima Van der Breggen (campionessa olimpica)  ed altre due atlete, senza riuscire però ad evadere dal gruppo. Purtroppo poco prima dell’ingresso del terzo settore sterrato, come spesso succede in gruppo, sono stata urtata da un avversaria alla mia sinistra perdendo il controllo del mezzo uscendo dalla carreggiata unitamente a Marianne Vos che era alla mia destra. Entrambe siamo rotolare sull ‘erba. Inizialmente non mi sono preoccupata, il mio unico pensiero era quello di rientrare il prima possibile in gruppo ma dopo pochi km ho iniziato ad accusare dolore alla schiena. Ho stretto i denti e sono rientrata nel primo gruppo. Il dolore aumentava ogni giro sempre di più fino a quando è diventato insopportabile e mi sono fermata. Mi hanno portato all’ospedale per gli accertamenti del caso. Fortunatamente si è trattato solo di alcune botte e potrò quindi partecipare al Ladies Tour of Norway da oggi a domenica che sarà possibile seguire su Eurosport???

io2 215x300 - Vårgårda Classic